Il libro della settimana – 9 novembre 1938 La notte dei cristalli – Martin Gilbert

Nell’ottobre del 1938 il governo della Germania nazista, poco dopo l’accordo di Monaco, espulse più di dodicimila ebrei polacchi, trattenendoli alla frontiera in condizioni miserevoli. Fra questi c’era una coppia di coniugi che inviò una cartolina al figlio, a Parigi, chiedendo del denaro.
Appena ricevuta la cartolina il ragazzo si procurò una pistola e chiese di essere ricevuto dall’ambasciatore di Germania. Quando quest’ultimo gli chiese il motivo della visita il ragazzo sparò 5 colpi uccidendolo.
Era il 7 novembre. Poche ore dopo, la Germania fu teatro di quello che molti giornali definirono un “pogrom” e che culminò nella notte fra il 9 e il 10 novembre.
Il libro di Martin Gilbert non è soltanto la cronaca di una tragica notte tedesca.
L’autore analizza attentamente la politica ebraica della Germania hitleriana nei cinque anni precedenti e ricostruisce uno straordinario numero di episodi. Ciò che accadde in quelle ore rivive così attraverso le parole dei superstiti, dei loro congiunti, dei tedeschi che cercarono di assistere le vittime del pogrom. E dimostra che la notte dei cristalli fu una sorta di crinale a metà strada fra gli anni della preparazione, durante i quali la persecuzione fu soprattutto amministrativa, e quelli dell’esecuzione, durante i quali il disegno dell’annientamento venne gradualmente realizzato.

9 novembre 1938 La notte dei cristalliMartin Gilbert

9 novembre 1938 La notte dei cristalli
9 novembre 1938 La notte dei cristalli

Seguici su facebook e instagram o chatta con noi

Disponibile anche in e-book

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.