Blog

CXP 2019/2020

Ebbene sì! Si riparte! un nuovo anno di corsa, camminata e tante tante chiacchiere e risate tra amici.

Il nostro gruppo ‘I mitici della CXP‘ vi aspetta alla prima serata, GIOVEDI’ 7 NOVEMBRE in Prato della Valle, ore 20.15 davanti allo Stand di Non Solo Sport per il riscaldamento e 20.30 pronti alla partenza.

Se ancora non vi siete iscritti, affrettatevi, cliccate qui per le istruzioni

Ecco la maglietta di quest’anno!!

e se volete vedere le foto della scorsa stagione, cercate nel box di ricerca ‘CXP‘ o cliccate qui

Per tutte le info ufficiali: http://www.padovanet.it/famiglia-sociale-e-sport/corri-x-padova

Seguiteci sul blog o sulla pagina facebook per avere tutti aggiornamenti settimana per settimana, aspettiamo le vostro foto e i vostri commenti.

A giovedì!!!

Cosa fare nel week end – Firenze

State pensando ad un week end a Firenze e non sapete come organizzarvi….il treno è sicuramente il mezzo più veloce, la stazione è proprio in centro quindi una volta arrivati, ci siete!!! senza problemi di parcheggio o altro stress. Quando acquistate il biglietto verificate le tante offerte disponibili, a volte si trovano delle occasioni molto vantaggiose.

Una volta arrivati a destinazione, beh avete solo l’imbarazzo della scelta! Firenze è una delle città più ricche di storia ma anche perfetta per chi ama la movida.

All’ora di pranzo dovete provare il Mercato Centrale, una concentrazione di gusti, sapori e colori per tutti i gusti, ovviamente in pieno centro, quindi raggiungibile a piedi. Per arrivarci cliccate qui: https://goo.gl/maps/6DBs8eadeQD2

e alla sera? vi consiglio un locale tipico toscano, accogliente e con ottimo cibo.
Trattoria Sant’Agostino, ovviamente in centro così non serve l’auto.

Seguite il nostro blog e la nostra pagina facebook, se volete altre idee su week end o vacanze li trovate qui: Parigi, Milano, Venezia, Matera, gite al lago o in campagna.

Se Fosse tuo figlio – Nicolò Govoni

Se fosse tuo figlio
riempiresti il mare di navi
di qualsiasi bandiera.

Vorresti che tutte insieme
a milioni
facessero da ponte
per farlo passare.

Premuroso,
non lo lasceresti mai da solo
faresti ombra
per non far bruciare i suoi occhi,
lo copriresti
per non farlo bagnare
dagli schizzi d’acqua salata.

Se fosse tuo figlio ti getteresti in mare,
te la prenderesti con il pescatore che non presta la barca,

urleresti per chiedere aiuto,
busseresti alle porte dei governi
per rivendicare la vita.

Se fosse tuo figlio oggi saresti a lutto,
anche a rischio di odiare il mondo,

i porti pieni di navi attraccate.
e chi le tiene ferme e lontane
e  chi, nel frattempo
sostituisce le urla
con acqua di mare.

Se fosse tuo figlio li chiameresti
vigliacchi disumani, gli sputeresti addosso.
Dovrebbero fermarti, tenerti, bloccarti
perché una rabbia incontrollata potrebbe portarti
a farli annegare tutti nello stesso mare.

Ma stai tranquillo, nella tua tiepida casa
non è tuo figlio, non è tuo figlio.
Puoi dormire tranquillo
E soprattutto sicuro.
Non è tuo figlio.

È solo un figlio dell’umanitá perduta,
dell’umanità sporca, che non fa rumore.

Non è tuo figlio, non è tuo figlio.
Dormi tranquillo, certamente
non è il tuo.

Sergio Guttilla
—-
29 giugno 2018
Dedicata a i 100 morti in mare, morti affogati
in attesa di una nave che li salvasse.