Il libro della settimana – L’ultima ragazza – Nadia Murad

Il libro della settimana dedicato alla storia di una ragazza yazida.

Gli yazidi sono una comunità di etnia curda che vive nella zona attorno alla città di Sinjar, nel nord dell’Iraq, non lontano dal confine con la Siria.
Nadia Murad ci racconta la sua storia, di ragazza ventenne, con una vita normale e serena, sconvolta da un giorno all’altro dalla brutalità e dalla violenza di uomini che, in nome di una religione, uccidono, torturano, umiliano e rendono schiave persone di un’altra etnia solo perché ritenute diverse e non degne di vivere le loro tradizioni e la loro cultura.

La follia dell’essere umano che si sente
giudice di altri in nome della religione.

Premio Nobel per la pace 2018 questa ragazza, fuggita dai suoi aguzzini, ha trovato il coraggio di raccontare la sua storia e denunciare chi le ha tolto la famiglia, gli affetti e la dignità.

Con la sua voce ha dato voce a tutti gli yazidi perseguitati
e a tutte le vittime di violenza.

Un libro non facile per gli argomenti trattati ma da leggere.

Se vuoi un approfondimento trovi qui un articolo precedente

L’ultima ragazzaNadia Murad

Il libro della settimana - L'ultima ragazza Nadia Murad
Il libro della settimana – L’ultima ragazza Nadia Murad

E tu che libro stai leggendo? Mandaci i consigli di lettura 
qui specificando “il libro della settimana” o
rispondi a questo post, saremo felici di condividerli!

Se hai perso il libro della settimana precedente, lo trovi qui

Per ricevere in tempo reale i nuovi articoli iscriviti al sito (casella in basso a destra, basta l’indirizzo email), metti ‘mi piace‘ alla pagina facebook o seguici sulla pagina Instagram

Spunti e Idee
Spunti e Idee

Il libro della settimana – Fu sera e fu mattina* – Ken Follet

I libri di Ken Follet non hanno bisogno di molte presentazioni perché tutti li conoscono o ne hanno sentito parlare.

Il libro della settimana è la nuova fatica dello scrittore britannico che ci porta addirittura all’anno 997, in Inghilterra, dove i vichinghi arrivano a Combe e razziano il piccolo villaggio costringendo Edgar a cambiare il suo piano di fuga e raggiungere con la famiglia la desolata frazione di Dreng’s Ferry.

Anche in questo libro c’è la storia, raccontata nei minimi dettagli, i personaggi del tempo, gli usi e i costumi di una società che vive di quello che riesce a produrre lavorando la terra e con il commercio.

Non mancano i colpi di scena, le passioni, i tradimenti, la perfidia e l’egoismo. Ma c’è ingegno, determinazione, riscatto.
Le culture normanna e inglese si incrociano e spesso la differenza culturale pesa sulle scelte e i comportamenti.

Questo romanzo è il prequel dell’indimenticabile saga di Kingsbridge letta e amata da milioni di lettori nel mondo.

Ken Follett ci porta in un viaggio epico pieno di sorprese, avventura, coraggio, amore, odio e ambizione che termina dove I pilastri della terra hanno inizio.

Fu sera e fu mattina*Ken Follet

Fu sera e fu mattina
il libro della settimana – Fu sera e fu mattina

Se hai perso il libro della settimana precedente, lo trovi qui

Disponibile l’audiolibro*

AUDIOLIBRO
Spunti e idee AUDIOLIBRO

E tu che libro stai leggendo? Mandaci i consigli di lettura qui specificando “il libro della settimana” o
rispondi a questo post, saremo felici di condividerli!

Per ricevere in tempo reale i nuovi articoli iscriviti al sito (casella in basso a destra, basta l’indirizzo email), metti ‘mi piace‘ alla pagina facebook o seguici sulla pagina Instagram

Spunti e Idee
Spunti e Idee

Il libro della settimana – Lungo petalo di mare* – Isabel Allende

Il ‘Lungo petalo di mare‘ di Isabel Allende è la sua nazione di origine, il Cile,
il libro della settimana

Spagna, 1939. La guerra civile finisce e il Generale Franco va al potere. Migliaia di spagnoli sono costretti a fuggire dalle loro case e si dirigono verso il confine francese. Il confine è chiuso, sorgono i campi profughi ai quali spesso non si sopravvive.

Víctor Dalmau è un giovane medico e già prima di iniziare la sua carriera salva la vita ad un ragazzo prendendo letteralmente in mano il suo cuore, facendolo pulsare ancora. Victor e Roser Bruguera, una pianista, amica di famiglia, lasciano Barcellona, attraversano i Pirenei e si rifugiano nei campi profughi di Bordeaux, in attesa che le cose migliorino.

Pablo Neruda, poeta cileno con incarichi diplomatici in Cile, riesce a noleggiare il piroscafo Winnipeg, e fa imbarcare più di 2000 spagnoli che i primi di settembre del 1939 raggiungono Valparaiso e possono così cominciare una nuova vita. Victor e Roser sono sul piroscafo.

Roser porta in grembo il figlio di Guillem, fratello di Victor, che è disperso in guerra, in Spagna.
Victor e Roser si sposano per poter ricominciare una vita altrimenti difficile per una donna sola e incinta e vengono ospitati da una famiglia del luogo riuscendo poco alla volta a costruirsi un futuro.

Ma nel 1973 il golpe militare fa cadere il presidente Salvador Allende. E Roser e Víctor saranno costretti ad un nuovo esilio, questa volta in Venezuela.

Un altro appassionante romanzo, con una punta di autobiografia, ambientato in uno sfondo storico e politico non sempre conosciuto e approfondito, ricco di avventure, colpi di scena, sofferenza e altruismo.

se si vive abbastanza, i cerchi si chiudono”.
Isabel Allende

Lungo petalo di mare* – Isabel Allende

Il libro della settimana – Lungo petalo di mare

Disponibile l’audiolibro*

Altri libri della stessa scrittrice: Zorro, Donne dell’anima mia, L’isola sotto il mare

E tu che libro stai leggendo? Mandaci i consigli di lettura qui specificando “il libro della settimana” o
rispondi a questo post, saremo felici di condividerli!

Se hai perso il libro della settimana 
precedente, lo trovi qui

Per ricevere in tempo reale i nuovi articoli iscriviti al sito (casella in basso a destra, basta l’indirizzo email), metti ‘mi piace‘ alla pagina facebook o seguici sulla pagina Instagram

AUDIOLIBRO
Spunti e idee AUDIOLIBRO

Il libro della settimana – La valigia Aran – Andrea Antonello

Il libro della settimana, a cura di Fulvio Ervas,
raccoglie i pensieri e i dialoghi di Andrea con la sua famiglia

Andrea è un ragazzo a cui è stato diagnosticato l’autismo all’età di tre anni. I suoi genitori, Franco e Bianca, hanno dedicato e continuano a dedicare la loro vita perché Andrea abbia un futuro indipendente.

All’età di otto anni una psicologa ha capito che Andrea sapeva leggere e che poteva comunicare scrivendo al computer. E’ iniziato così il percorso raccontato nel libro, una raccolta di pensieri e dialoghi fra Andrea e i suoi genitori, gli insegnanti e gli psicologi.

Leggere questo libro ci aiuta a rispondere ad alcune delle domande più ricorrenti che ci facciamo, cosa pensa? perché agisce così? che cosa lo turba? cosa possono fare gli amici, i compagni di classe, la gente con cui si relaziona per comunicare con lui?
Alcune risposte e alcune domande di Andrea sono disarmanti, sono le considerazioni di un ragazzo normale che vive in un corto circuito.

E’ un libro profondo, inizia quando Andrea ha otto anni e arriva fino ai suoi attuali 27 anni e i progressi che si leggono sono tantissimi e molto importanti per il suo futuro. Dietro a tutto questo c’è un lavoro faticosissimo di Andrea in primis ma soprattutto dei suoi genitori che con costanza, determinazione, pazienza e coraggio lo seguono, lo stimolano, lo appoggiano.

Per sostenere i ragazzi come Andrea è nata l’associazione ‘I bambini delle fate’ un’impresa sociale che dal 2005 si occupa di assicurare sostegno economico a progetti e percorsi di inclusione sociale gestiti da partner locali a beneficio di famiglie con autismo e altre disabilità.
vedi il video

Andrea e il suo papà amano viaggiare in moto e dai loro meravigliosi e avventurosi viaggi è nato il docufilm
SE TI ABBRACCIO NON AVER PAURA di Gabriele Salvatores. Da vedere.

”Ci sono dei giorni che fai dei passi avanti e giorni che ne fai dieci indietro, e allora mi faccio tornare in mente una cosa, quando fai dei passi indietro potrebbero servire per prendere la rincorsa”
Franco Antonello

Oggi possiamo dire che Andrea ce l’ha fatta, ha raggiunto un’autonomia che era impensabile dieci anni fa quando tutto è iniziato, il percorso è ancora lungo ma i progressi sono davvero incredibili e tangibili.
Guarda il video delle Iene, i progressi, la felicità dei genitori. L’associazione I bambini delle fate, aiuta i ragazzi come Andrea a vivere con dignità e i genitori di questi ragazzi a vedere la luce in fondo al tunnel.

Il libro della settimana, da leggere e condividere per provare a capire la disabilità

La valigia AranAndrea Antonello

La valigia aran – Andrea Antonello

E tu che libro stai leggendo? Mandaci i consigli di lettura qui
specificando “il libro della settimana” o
rispondi a questo post, saremo felici di condividerli!

Se hai perso il libro della settimana precedente, lo trovi qui

Per ricevere in tempo reale i nuovi articoli iscriviti al sito (casella in basso a destra, basta l’indirizzo email), metti ‘mi piace‘ alla pagina facebook o seguici sulla pagina Instagram

Spunti e Idee
Spunti e Idee

Il libro della settimana – Bilal – Fabrizio Gatti

Cosa c’e veramente dietro l’ immigrazione di tante persone?
Il libro della settimana, Bilal, ce lo racconta.

Perché una persona decide di emigrare?
Di cambiare la sua vita, di lasciare gli affetti,
per arrivare in un paese che non può riceverlo?


Fabrizio Gatti, scrittore e giornalista de L’ Espresso,
pubblica questo libro nel 2007
in tempi in cui l’immigrazione era ancora vista come
qualcosa di cui stupirsi, di cui amareggiarsi,
a cui non ci eravamo ancora, purtroppo, abituati.

Vive 4 anni da infiltrato, sotto falso nome, senza documenti.
Parte dal Mali, attraversa il deserto, prova sulla sua pelle soprusi, botte, violenze, viene derubato e racconta cosa e chi c è dietro a tutto questo.
La corruzione, il potere, il menefreghismo di un’umanità che si è persa.

E’ prigioniero in Libia, parte per Lampedusa in una di quelle tante imbarcazioni a volte improvvisate e arriva a Lampedusa. Viene arrestato, liberato e arriva ai campi di pomodoro in Calabria.


”approdare vivi a Lampedusa è come sopravvivere a un incidente aereo”


In questo libro racconta, quello che ha vissuto in prima persona.
I nomi, le alleanze e le complicità dei governi che non fanno nulla contro il traffico di schiavi, anzi, ci guadagnano.

Nessun essere umano sano di mente farebbe mai un viaggio di questo tipo se non fosse costretto.
Nessun genitore permetterebbe al proprio figlio, men che meno ad una figlia, di affrontare una situazione di questo genere.


Ricordo che il libro é stato scritto nel 2007, fai due conti di come questa tragedia silenziosa si è amplificata in 13 anni. Se allora faceva notizia oggi non più o solo durante la campagna elettorale.
Un libro di profonda riflessione per tutti noi, un libro difficile perché scava nella coscienza ma allo stesso tempo rivela la verità che in molti facciamo finta di non vedere.

Bilal - Fabrizio Gatti
Bilal – Fabrizio Gatti

quante cose non sappiamo…
Da leggere e far leggere

Il libro della settimana, BILAL

BilalFabrizio Gatti

Bilal - Fabrizio Gatti
Bilal – Fabrizio Gatti – Il libro della settimana

E tu che libro stai leggendo? Mandaci i consigli di lettura qui
specificando “il libro della settimana” o
rispondi a questo post, saremo felici di condividerli!

Se hai perso il libro della settimana precedente, lo trovi qui

Per ricevere in tempo reale i nuovi articoli iscriviti al sito (casella in basso a destra, basta l’indirizzo email), metti ‘mi piace‘ alla pagina facebook o seguici sulla pagina Instagram

Disponibile anche in e-book