25 Aprile, Venezia, la ‘Festa del Bocolo’

Il 25 aprile a Venezia si festeggia il patrono, San Marco, ma è anche la ”Festa del bocolo

Sapete qual è l’origine di questa festa? La leggenda racconta di una ragazza di nobili origini innamorata di un giovane di estrazione popolare. L’unione è ostacolata dalla famiglia di lei e il ragazzo, per conquistarla, vuole dimostrare le sue doti di valido soldato; parte per le crociate ma viene ferito in battaglia e muore sopra un roseto di rose bianche. Il suo sangue colora di rosso le rose e lui chiede all’amico fidato di portarne una alla ragazza in segno d’amore. Lei, al ricevimento del fiore e della triste notizia, si toglie la vita e verrà ritrovata distesa con la rosa sul petto. Da allora, per tradizione, si dona una rosa rossa alla persona che si ama.

Ecco perchè se passeggiate a Venezia il 25 aprile troverete venditori di rose rosse e persone di tutte le età con in mano una rosa rossa a gambo lungo.

Seguite il nostro blog, mettete mi piace alla pagina facebook o al profilo Instagram e lasciate i vostri commenti.

Iscrivetevi alla newsletter per ricevere tutti gli articoli appena pubblicati, basta la mail, cliccate il pulsante in basso a destra ”Iscriviti”
Parliamo un pò di tutto, viaggilibricinematempo libero…..

Trovate informazioni su viaggi, gite, tempo libero: Venezia, Matera, Firenze, Milano, Parigi, Berlino, Santorini, la Dakar, il Lago di Garda, le gite in campagna, e tanti altre destinazioni e idee tutte super-organizzate da Programma di Viaggio.

15 aprile 2019 Brucia Notre Dame

Esattamente un anno fa, il 15 aprile 2019, il mondo si è fermato per assistere incredulo ad uno degli eventi più tristi e clamorosi degli ultimi anni: l‘incendio della Cattedrale di Notre Dame.   

Un incendio sviluppatosi per cause accidentali ma che ha distrutto in poche ore uno dei monumenti più belli e significativi di Francia e del mondo intero.

Esattamente un mese prima, il 19 Marzo 2019, mi trovavo a Parigi ed ho visitato (per fortuna) la Cattedrale in tutto il suo splendore.

Condivido con voi alcune delle foto scattate durante la visita sperando di poterla ri-visitare quanto prima-

Seguite il nostro blog, mettete mi piace alla pagina facebook o al profilo Instagram e lasciate i vostri commenti. Iscrivetevi alla newsletter per ricevere tutti gli articoli appena pubblicati, basta la mail, cliccate il pulsante in basso a destra ”Iscriviti”
Parliamo un pò di tutto, viaggilibricinematempo libero…..

Trovate informazioni su Venezia, Matera, Firenze, Milano, Parigi, Berlino, Santorini, il Lago di Garda e tanti altri posti e idee per il vostro tempo libero.

Cosa fare nel week end – Matera

Siamo prossimi ad un week end lungo, avete già deciso cosa fare?

Se non ci siete ancora stati vi suggerisco di visitare Matera, capitale della cultura 2019
Il paesaggio mozzafiato dei sassi merita sicuramente una visita.

Come fare per arrivarci? Io ho preso l’aereo fino a Bari ma ci sono anche i treni molto comodi: prendendo la cuccetta partite la sera e arrivate la mattina dopo riposati e pronti ad immergevi in questa città davvero fantastica.
Se scegliete l’aereo, una volta arrivati all’aeroporto di Bari trovate le navette che in un’ora raggiungono la città dei sassi. Per conoscere gli orari ed acquistare i biglietti cliccate qui.
Il biglietto A/R costa euro 6,80 a persona.

Vi consiglio, prima di partire, di prenotare una guida turistica: visitare la città con un esperto vi permette di apprezzare meglio i siti e capire le dinamiche dei luoghi, della loro genesi, della loro trasformazione. E il giorno successivo potete ripercorrere gli stessi itinerari con una conoscenza e consapevolezza del luogo più approfondita.

A Matera ci sono moltissime guide e molte le indicazioni per prenotarle ma vi consiglio di farlo da casa per non rischiare di trovarvi in gruppi troppo numerosi.
La nostra bravissima e preparatissima guida, che mi sento di consigliarvi, si chiama Daniela Alò e la trovate al 338 8777127.

Fatto tutto questo siete pronti per immergervi nella città dei Sassi!

Appena arrivate a Piazza Matteotti guardate alla vostra sinistra e troverete la prima delle 5 sculture di Salvador Dalì. Per tutto il 2019, le opere del famoso artista spagnolo sono disponibili lungo un percorso che si snoda tra le strade della città.
Da non perdere assolutamente la mostra che Matera dedica a Dalì: nel complesso di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci, due chiese rupestri situate una sopra all’altra, la Persistenza degli Opposti ci svela le opere, i disegni, le miniature, il talento del grande artista.

Dopo la mostra, una tappa obbligatoria è a Piazza Duomo dove la bianchissima Cattedrale spicca sulla città. Siamo nella Civitas, il colle sopra i sassi dal quale si può ammirare uno spettacolo unico al mondo, unico nel suo genere, che cambia colore ad ogni ora del giorno a seconda di dove si trova il sole, che si tinge di arancio nel tardo pomeriggio e si illumina la sera.

A sinistra del Duomo c’è il Sasso Baresano, a destra il Sasso Caveoso, un saliscendi di gradini, terrazze, case, botteghe, negozi, B&B, chiese, tutto ricavato all’interno delle rocce di tufo.

Girando tra i sassi si trovano le installazioni di artisti famosi che espongono le loro opere.
Durante il nostro soggiorno abbiamo ammirato ”Segni e Sogni” 100 galline in terracotta policroma della pittrice, scultrice, ceramista Francesca Pastore

Da non perdere la cucina: piatti tipici, pane appena sfornato, taglieri di formaggi e salumi

E per finire, un grazie a Patrizia e allo splendido B&B che ci ha ospitato. Ottima posizione, indimenticabile colazione, vista fantastica.

Se andate per il week end e viaggiate con il bagaglio a mano ecco alcune istruzioni pratiche

Seguite il nostro blog, mettete mi piace alla nostra pagina facebook e lasciate i vostri commenti.

Se volete scoprire altre destinazioni dove trascorrere un week end o una vacanza ecco i nostri precedenti articoli: Milano, Venezia, Firenze, Parigi, Berlino, Alicante, Malaga, Nerja, Valencia, Lago di Garda, Caraibi, Santorini, gite fuori porta e altre che arriveranno!

Dove vado in vacanza – Andalusia – Nerja

In un articolo precedente siamo andati a Malaga (se hai perso l’articolo clicca qui)

Oggi rimaniamo in Andalusia e ci spostiamo ad est verso Nerja, una piccola cittadina turistica a soli 50 km dalla capitale andalusa che conta circa 20.000 abitanti e che d’estate è meta quasi obbligatoria da parte dei turisti che scelgono il sud della Spagna per le loro vacanze.

L’attrazione principale del centro è sicuramente il Balcon de Europa, una piazza larghissima circondata da palme e ristoranti affacciata sul mare e sulla spiaggia.

Il panorama è mozzafiato, si può rimanere fermi sullo stesso posto per ore ed ammirare i colori, le palme, i fiori, i rilievi circostanti che riempiono la cornice.

Affacciandosi verso il mare si vedono le spiagge bianchissime, non molto ampie e per questo prese d’assalto dai turisti ma che meritano la passeggiata per raggiungerle e tuffarsi nell’acqua azzurra. 

I dintorni della cittadina si caratterizzano per i paesaggi naturali accessibili grazie ai sentieri per passeggiate e trekking. L’attrazione naturale più conosciuta della zona sono le Cuevas di Nerja, le grotte situate a poca distanza dal centro. Scoperte per caso da tre ragazzi il 12 gennaio del 1959, vantano grandi dimensioni, nonché la stalattite conosciuta più lunga d’Europa (ben 63 metri).

Appena fuori dalla piazza principale si apre una miriade di strade caratterizzate dalla pavimentazione a mosaico, piene di negozi tipici della zona, di bar, ristoranti e alberghi.

Per arrivare a Nerja potete prendere il bus che parte dalla stazione di Malaga: il biglietto ha un costo accessibile (6-8 euro) e le partenze sono molto frequenti a partire dal mattino presto fino a sera tardi.  

Non dimenticate i nostri consigli ‘MUST HAVE

Seguite il nostro blog, mettete mi piace alla pagina facebook o al profilo Instagram e lasciate i vostri commenti. Iscrivetevi alla newsletter per ricevere tutti gli articoli appena pubblicati, basta la mail, cliccate il pulsante in basso a destra ”Iscriviti”

Se volete leggere gli altri nostri articoli e scoprire destinazioni dove trascorrere un week end o una vacanza, cercate qui: MilanoVeneziaFirenze, ParigiBerlinoAlicanteMateraValenciaLago di GardaCaraibiSantorini, gite fuori porta, un giro alla Dakar 2020 e altre che arriveranno!

Cosa fare nel week end – Il boschetto delle lepri

Bellissima giornata all’aria aperta al Boschetto delle Lepri, in un posto incantevole a stretto contatto con la natura, bella compagnia, ottimo cibo….insomma un’esperienza da rifare!!

Un grazie speciale a Mara&Nando per l’ospitalità e complimenti per come hanno saputo rendere un posto inizialmente brullo in un’armonia di colori, forme, profumi, che ti accolgono come in un abbraccio.

Interessantissimo e profumatissimo l’angolo delle piante aromatiche così come gli stagni con i pesci e le tartarughe.

Maestoso il roseto con tantissime varietà di rose dai profumi più diversi e i colori più intensi.

Non poteva mancare l’ottimo cibo, il buon vino e la compagnia perfetta!!!

Un grazie a tutti e ….alla prossima!!!!

Seguite il nostro blog, mettete mi piace alla nostra pagina facebook o al profilo Instagram e lasciate i vostri commenti. Iscrivetevi alla newsletter per ricevere tutti gli articoli appena pubblicati, basta la mail, cliccate il pulsante in basso a destra ”Iscriviti”

Se volete leggere gli altri nostri articoli e scoprire destinazioni dove trascorrere un week end o una vacanza, cercate qui: MilanoVeneziaFirenze, ParigiBerlino, Malaga, Nerja, AlicanteMateraValenciaLago di GardaCaraibiSantorinigite fuori porta, un giro alla Dakar 2020 e altre che arriveranno!