Dove vado in vacanza – Alicante

Abbiamo parlato in un articolo precedente delle meravigliose località della Spagna, in particolare di Valencia. Oggi vi porto ad Alicante, capitale dell’omonima provincia nel sud-est della Spagna, più piccola come dimensioni rispetto ad altre città che si affacciano sul mare ma non per questo meno interessante.

Città portuale sulla Costa Blanca, è caratterizzata dal centro storico, Barrio de la Santa Cruz, con strade strette, case colorate e una vivace vita notturna.

Grazie a un ascensore o a una ripida salita, si raggiunge il medievale castello di Santa Barbara, situato su una collina con una stupenda vista della costa mediterranea.
Per ammirare meglio il paesaggio vi consiglio l’ascensore all’andata e la passeggiata al ritorno.

Non manca l’ottima cucina tipica, ma non perdetevi una visita al mercato, in centro città, per acquistare o solo ammirare il pesce, la carne, la verdura, un vero cocktail di colori e profumi.

E poi c’è il mare, proprio in centro città la splendida Playa del Postiguet, affollata di giorno dai bagnanti e mèta la sera per gustare l’ottimo cibo o i colorati cockatail, con il rumore del mare sullo sfondo.

Dove vado in vacanza?

Avete già deciso come passare le vacanze?

Mare, montagna, città, lago o campagna?

Ad ognuno la sua meta, l’importante è riuscire a rilassarsi in ottima compagnia dimenticando problemi e pensieri.

In vari articoli ho parlato e suggerito mete un pò per tutti i gusti ma perchè non condividere le vostre esperienze? Dove siete stati o dove vi piacerebbe andare?
Scriveteci qui e mandate le vostre foto e gli itinerari, saremo felici di pubblicarli!!

Se invece volete leggere o rileggere i nostri articoli avete solo l’imbarazzo della scelta:

Volete visitare una città? Eccovi Milano, Venezia, Parigi, Firenze …..

Volete un mare azzurro tra palme e sabbia bianca? Eccovi il viaggio dei sogni: I Caraibi

Preferite il Lago per fare surf o lunghe passeggiate? Il Lago Di Tenno vi aspetta

Non vi piace il caldo e preferite le passeggiate in montagna, eccovi accontentati: Cortina, la perla delle Dolomiti

La gita fuori porta? Il Boschetto delle Lepri

e non dimenticate i nostri partner: programma di viaggio per un’organizzazione impeccabile e un viaggio senza pensieri e Il Boschetto delle Lepri per rilassarvi in mezzo alla natura

Cosa portare in vacanza – la lista delle cose ‘must have’

Capita un pò a tutti di essere nervosi, stressati, preoccupati prima di una partenza, soprattutto se si viaggia con i bambini. Le domande sono sempre le stesse: cosa porto, quante cose porto, mi basteranno, e se fa caldo? e se fa freddo?
Quindi si rischia si mettere in valigia un sacco di oggetti che poi non vengono usati.

Per aiutarvi a non portare cose inutili vi suggerisco, qualche giorno prima della partenza, di scrivere su un foglio quello che secondo voi deve assolutamente non mancare. Poi nei giorni successivi, rileggete e valutate se l’oggetto serve veramente oppure no.

Le cose da NON dimenticare assolutamente sono sostanzialmente 4:
– i soldi (o la carta di credito)
– i documenti
– i medicinali
– gli adattatori e/o i caricabatterie

Per quanto riguardano i vestiti, se non fate una vacanza di mondanità sempre nello stesso posto, 3 sono il numero sufficiente, 3 di tutto così se avete 3 gonne o 3 pantaloni e 3 magliette li potete scambiare.

Stessa cosa con le scarpe, un mezzo tacco risolve varie soluzioni e le ballerine occupano poco spazio.

Libri: grande dilemma, fra il viaggio e il soggiorno mi servono almeno due o tre libri, come faccio che pesano e ingombrano?
La soluzione è l’e-book, comodo, pratico, puoi leggerlo in tutte le condizioni climatiche, la sera o sotto il sole.

Temete di avere freddo? un giubbo di jeans o una felpa legata in vita risolvono il vostro problema, il cappello per il sole lo potete tenere in testa, la pochette per la sera mettetela nella borsa.

Tutto chiaro? Siete pronte? allora

Dove vado in vacanza – Valencia

La Spagna offre una serie di località che, una ad una in vacanze diverse, o con un viaggio a tappe, vanno sicuramente viste.

Oggi andiamo a Valencia, terza città della Spagna per numero di abitanti dopo Madrid e Barcellona, situata a sud est e affacciata sul mare Mediterraneo.

Facilmente raggiungibile in aereo da molti aeroporti italiani ed europei ma anche in treno o in auto (la Spagna dispone di una rete autostradale efficiente).

Se arrivate in aereo, il modo più veloce ed economico se decidete di fermarvi in città, appena scesi trovate la navetta che in meno di mezz’ora vi porta in città.
E lì avete solo l’imbarazzo della scelta tra locali, ristoranti, spiagge, vita all’aria aperta di giorno e di notte.

La Spagna, soprattutto d’estate, è tutta una festa di musica e colori.

La città è ricca di storia e monumenti in stile gotico che non potete perdere ma il sito da vedere ad ogni costo è sicuramente la Città delle Arti e della ScienzaLa Ciutat de les Arts i les Ciències – un complesso architettonico composto da cinque differenti strutture, suddivise all’interno di tre aree tematiche: arte, scienza e natura, progettato dagli architetti Santiago Calatrava e Félix Candela.

Situata nel letto prosciugato dell’antico fiume Turia, a metà strada tra il centro storico di Valencia e il quartiere costiero di Nazaret, la Città delle Arti e delle Scienze si estende su una superficie di 350.000 metri quadrati. L’Hemisfèric (Planetario) è stato il primo elemento ad essere aperto al pubblico nel mese di aprile del 1998. Il museo delle scienze Principe Felipe ha aperto nel 2000, l’Umbracle (parcheggio coperto) nel 2001 e il Palacio de las Artes nel 2003. L’utilizzo da parte di Calatrava di puro cemento bianco e di frammenti gaudieschi di piastrelle frantumate, un’importante industria valenciana, lega insieme tutte le strutture nel suo complesso.

DA NON PERDERE!

Week end a Parigi_2

Parigi è definita la città più romantica del mondo, e i suoi palazzi, i ponti, le luci, l’atmosfera, lo confermano.
Ma c’è anche la Parigi moderna che merita sicuramente una visita, sto parlando della Défense, il quartiere del business e dei grattacieli.

Comodamente raggiungibile con la metropolitana, linea gialla, dal centro della città, il quartiere de La Défense è considerato il più grande distretto d’affari in Europa.

Ci trovate decine di grattacieli, completamente assenti nella Parigi classica, e il simbolo del quartiere ”La Grande Arche de La Défense” opera moderna, avveniristica, inaugurata nel 1989 in occasione del bicentenario della Rivoluzione francese.

Quartiere La Défense

La struttura è un grande cubo di cemento, alto più di 100 metri e largo altrettanti, vuoto al centro e ricoperto di vetro e marmo bianco di Carrara. Sede del ministero dell’Ecologia ospita uffici e un business center, l’ascensore vi permette di salire sul tetto e da lì godere dello splendido panorama che vede nello stesso asse, in lontananza, l’altro arco di Parigi, l’Arc de Triomphe.


La Grande Arche de La Défense

E’ sicuramente una zona della città da tenere in considerazione, il panorama e l’architettura del posto meritano decisamente una visita.

Viaggio organizzato da Programma di viaggio