Dove vado in vacanza – Carnevale di Venezia

Il Carnevale di Venezia è uno degli eventi più famosi al mondo.

Carnevale di Venezia
Carnevale di Venezia Maschere in città

E’ anche molto antico perché le prime botteghe artigiane per la produzione di maschere risalgono al 1271.

Carnevale di Venezia

Oggi il Carnevale è una festa che richiama turisti da tutto il mondo,
è l’occasione per vestirsi e truccarsi, ballare e fare festa
e per i bambini forse l’evento più atteso dopo il Natale.

Carnevale di Venezia
Carnevale di Venezia

La città è letteralmente invasa dalle maschere, vestiti a tema, grandi e piccoli.

Carnevale di Venezia
Carnevale di Venezia Super Mario e Luigi

Se venite al Carnevale assaggiate le famose frittelle venexiane, ripiene alla crema o allo zabaione, una gioia per il palato.

Carnevale di Venezia
Carnevale di Venezia Le frittelle venexiane

Esperienza da provare anche il giro in gondola.

Il nostro amico gondoliere Alessandro (Cucciolo) voga con voi attraverso i canali e vi racconta tantissimi aneddoti legati alla città.
Lo sapete quanti sono i gondolieri a Venezia?
433 effettivi e circa 200 sostitutivi
Incredibile vero?
Durante la bella stagione li vedete a bordo delle loro
gondole colorate e addobbate
su e giù per i canali.

Carnevale di Venezia
Carnevale di Venezia
Carnevale di Venezia
Carnevale di Venezia Un giro in gondola

Cosa aspetti?

Programma la tua vacanza a Venezia,
contattaci per informazioni e approfondimenti,
il nostro partner Programma di viaggio è
a tua disposizione per organizzare al meglio il tuo soggiorno.

Venezia
Venezia

Le foto di questo articolo sono state scattate dallo staff di Spuntieidee.com

Per ricevere in tempo reale i nuovi articoli iscriviti al sito (casella in basso a destra, basta l’indirizzo email), metti ‘mi piace‘ alla pagina facebook o seguici sulla pagina Instagram

Se vuoi altri Spunti e Idee per la tua vacanza cerca dove vado in vacanza nel box

Se vuoi leggere i nostri precedenti articoli su Venezia clicca qui
o cerca Venezia nel box.

Spunti e Idee
Spunti e Idee

PELLESTRINA E IL LIDO DI VENEZIA IN BICICLETTA

Siete mai stati a Pellestrina?

E soprattutto, ci siete mai stati in bicicletta?
E’ un’esperienza che ho fatto qualche
anno fa e che mi è rimasta nel cuore,
così ho riunito un po’ di amici
e siamo partiti all’avventura.

Si arriva a Chioggia con l’auto che vi consiglio
di parcheggiare al multipiano Giove,
comodo ed economico. 
Trovi qui le indicazioni per arrivare.

Usciti dal parcheggio, direzione centro,
una passeggiata di circa 15 minuti
lungo la zona pedonale di Corso del Popolo,
tra negozi, bar e ristoranti
vi porta a Chioggia Vigo,
all’attracco del vaporetto nr. 11

Consiglio spassionato, arrivate una decina di minuti prima
della partenza del vaporetto perché, soprattutto la domenica e i giorni festivi è molto affollato e si rischia di non poter salire.

Trovate gli orari del vaporetto qui; ricordate di portare
con voi la Carta Venezia per pagare il
biglietto ridotto (da Chioggia a Pellestrina
costa euro 1,50 solo andata per i possessori di
Carta Venezia, euro 5,00, solo andata, per chi ne è sprovvisto)

E la bici?

Se siete appassionati di bicicletta
e volete portare la vostra è un’ottima idea
ma dovete fare i conti con la folla per salire in vaporetto.
Nel week end ci sono delle corse
dedicate ai ciclisti ma le biciclette
sono sempre tante e a volte
si rischia di attendere anche un paio d’ore
prima di salire (soprattutto al ritorno).

Noi abbiamo optato per l’affitto delle bici a
Pellestrina e ci siamo affidati ad APE TOURS:
una volta scesi dal vaporetto proseguite
dritti fino alla chiesa, girate a sinistra,
poi a destra nel centro abitato e
a circa 500 metri trovate
il cartello APE TOURS.

La proprietaria Alberta e il suo staff ci hanno accolti in modo cordiale e professionale, ci hanno fornito la piantina dell’isola e illustrato i punti più importanti da visitare.

Ve lo consiglio assolutamente.

Per prenotare la vostra bici trovate qui
tutti i dettagli.

Avute le biciclette e le indicazioni dei punti da visitare siamo partiti alla scoperta di questa bellissima isola bagnata dalla laguna di Venezia da una parte e dal mare Adriatico dall’altra. L’isola è lunga circa 7 km se consideriamo di partire dall’attracco del vaporetto ed è un percorso piacevole, reso speciale dai colori delle case, dei fiori, delle piazzette, della vita quotidiana che si svolge normalmente nonostante la moltitudine di turisti che arrivano dal mare con barche di tutte le dimensioni, dei tanti ciclisti e di chi passeggia lungo la via. 

A metà percorso lo spritz è d’obbligo!

Oltre a Pellestrina volevamo visitare il Lido di Venezia, quindi pranzo sotto gli alberi di El Chiosco a Santa Maria del Mare e poi al vaporetto (la fermata è proprio di fronte al locale) che in pochi minuti ci ha trasportato agli Alberoni, la parte sud del Lido di Venezia (tenendo Piazza San Marco sulla sinistra).

Arrivati al Lido abbiamo pedalato per altri 7 km fino ad arrivare all’Hotel Excelsior e all’area dove si svolge la Mostra del Cinema di Venezia. Alcuni partecipanti hanno invece preferito andare alla spiaggia e approfittare dell’ultimo bagno della stagione.

Dopo aver visitato il Lido è arrivato il momento di imboccare la via del ritorno che chissà perché sembra sempre più lunga dell’andata!!!  Abbiamo ritrovato gli amici di rientro dalla spiaggia e ci siamo diretti verso casa: 7 km dal Lido agli Alberoni, altri 7 km per riprendere il vaporetto e altrettanti all’andata, totale circa 28 km che, per chi non è abituato, non sono pochi ma meritano assolutamente di essere percorsi. E comunque i colori del tramonto non ci hanno fatto sentire la stanchezza!!

Le foto di questo articolo sono state scattate dallo staff di Spuntieidee.com

Per ricevere in tempo reale i nuovi articoli iscriviti al sito (casella in basso a destra, basta l’indirizzo email), metti ‘mi piace‘ alla pagina facebook o seguici sulla pagina Instagram

Mostra del cinema di Venezia – 77 edizione

Una Mostra del Cinema diversa quest’anno, senza gli sfarzi degli anni passati ma in perfetta sicurezza anti-Covid.
Iniziata con la presentazione in diretta streaming in 100 sale cinematografiche ci ha permesso di entrare in Sala Grande e sentirci protagonisti.

Madrina della Mostra del Cinema di Venezia, Anna Foglietta che assieme alla Presidentessa della Mostra del Cinema Cate Blanchett hanno aperto ufficialmente la manifestazione con un omaggio al grande Maestro Ennio Morricone. Trovi qui il video

Ecco il nostro giro al Lido e alla Mostra del Cinema di Venezia:

Tanti i film in concorso, visibili durante i 10 giorni della Mostra e attesissimi nelle sale.

Nel rispetto delle norme di sicurezza anti-covid niente red carpet ma l’eleganza degli ospiti della Mostra del Cinema non è mancata.

e la cornice del Lido rimane uno degli sfondi più emozionanti

Rimanete su questo sito, in arrivo nuove curiosità sulla Mostra evento del 2020

Come arrivare al Lidovedi il nostro articolo precedente

Le foto di questo articolo sono state scattate dallo staff di Spuntieidee.com

Per ricevere in tempo reale i nuovi articoli iscriviti al sito (casella in basso a destra, basta l’indirizzo email), metti ‘mi piace‘ alla pagina facebook o seguici sulla pagina Instagram

Andar per bacari…..

Se ancora non avete mai fatto il Bacari Tour è il momento di organizzarlo.

Andar per bacari è un’esperienza da fare!

Innanzitutto ricordiamo che il Bacaro è una tipica osteria veneziana nella quale degustare dell’ottimo vino ma anche il famoso spritz e gli spunciotti, deliziose specialità veneziane.

L’ingrediente numero 1 è la compagnia!


Unite un pò di amici e raggiungete Venezia: il mezzo più comodo per arrivare è il treno ma se scegliete l’auto potete parcheggiare in Piazzale Roma con tariffa serale a prezzo ridotto (informatevi prima di partire perché le promozioni cambiano)
I Bacari veneziani sono tantissimi e li trovate in tutta la città, qualunque sia la direzione verso la quale vi incamminate.

Ora venite con noi nel nostro ‘bacari tour’.

Prima tappa il Bacareto da Lele in campo dei Tolentini, vicinissimo alla stazione ferroviaria e a Piazzale Roma: locale piccolissimo, consumazione solo all’esterno, ottimo vino, polentina e affettati misti…per scaldarsi…..

Proseguiamo verso Rialto e strada facendo ci fermiamo al Grillo Parlante, nel frattempo la città ci svela portici, calli, abitazioni, attività….

Dopo un paio di degustazioni la tappa obbligata è da I Compari in piazza mercato a Rialto e da qui……non vorresti mai andartene….

antipasti di pesce, spiedini ripieni, ‘folpetti caldi’, il tutto bagnato da un ottimo vino o dall’immancabile spritz, aperol, campari o cynar….. una delizia!
Un saluto a Simone e un arrivederci a presto!

e con la pancia piena, ma non sazi, dopo chiacchiere, risate e complimenti al cuoco si riparte!

destinazione Cantina Do Spade dove non poteva mancare la frittura e per quelli mai stanchi anche le sarde in saor con la polentina….

sufficiente che dite? e adesso per smaltire cibo e alcool una lunga passeggiata in questa città meravigliosa…

Un grazie a tutti i partecipanti,
un grazie speciale alla nostra guida Davide e un applauso alla piccola mascotte che ci ha seguiti senza mai lamentarsi!
Andar per bacari è un’esperienza da fare!

Se volete unirvi a noi per la prossima uscita, scriveteci

Le foto di questo articolo sono state scattate dallo staff di Spuntieidee.com

Per ricevere in tempo reale i nuovi articoli iscriviti al sito (casella in basso a destra, basta l’indirizzo email), metti ‘mi piace‘ alla pagina facebook o seguici sulla pagina Instagram

Spunti e Idee
Spunti e Idee

25 Aprile, Venezia, la ‘Festa del Bocolo’

Il 25 aprile a Venezia si festeggia il patrono, San Marco, ma è anche la ”Festa del bocolo

Sapete qual è l’origine di questa festa? La leggenda racconta di una ragazza di nobili origini innamorata di un giovane di estrazione popolare. L’unione è ostacolata dalla famiglia di lei e il ragazzo, per conquistarla, vuole dimostrare le sue doti di valido soldato; parte per le crociate ma viene ferito in battaglia e muore sopra un roseto di rose bianche. Il suo sangue colora di rosso le rose e lui chiede all’amico fidato di portarne una alla ragazza in segno d’amore. Lei, al ricevimento del fiore e della triste notizia, si toglie la vita e verrà ritrovata distesa con la rosa sul petto. Da allora, per tradizione, si dona una rosa rossa alla persona che si ama.

Ecco perchè se passeggiate a Venezia il 25 aprile troverete venditori di rose rosse e persone di tutte le età con in mano una rosa rossa a gambo lungo.

Le foto di questo articolo sono state scattate dallo staff di Spuntieidee.com

Per ricevere in tempo reale i nuovi articoli iscriviti al sito (casella in basso a destra, basta l’indirizzo email), metti ‘mi piace‘ alla pagina facebook o seguici sulla pagina Instagram