Turista nella mia città – la Basilica di Santa Giustina

Siamo a Padova, all’interno dell’altrettanto famosa piazza del Prato della Valle per la visita alla Basilica di Santa Giustina.

La Basilica di Santa Giustina è la prima testimonianza di cristianesimo, ex area cimiteriale dove trovano sepoltura i primi cristiani perseguitati durante il periodo di Diocleziano.

L’edificio è rinascimentale, del ‘500, con la facciata di mattoni rossi, mai terminata.

Basilica di Santa Giustina
Turista nella mia città – Basilica di Santa Giustina

La santa a cui è dedicata, che qui è sepolta, è Giustina, di famiglia cristiana.
La tradizione racconta che Giustina decide di trasferirsi in città dalla campagna in cui vive ma viene intercettata dai soldati romani e catturata mente é inginocchiata a pregare a Pontecorvo; la pietra sulla quale è inginocchiata prende e mantiene la forma delle sue ginocchia.

Le porte all’ingresso della chiesa risalgono alla fine del novecento.

Santa Giustina Porta d'ingresso
Santa Giustina Porta d’ingresso

Appena entri la chiesa sembra spoglia ma in realtà dopo averla percorsa attentamente ti accorgi che è ricca di decorazioni, sopra ma soprattutto sotto l’altare dove si apre una dimensione pari o addirittura superiore al piano di ingresso. L’ingresso é a croce latina e si presenta diviso da grandi pilastri in tre navate.

La Basilica di Santa Giustina, l'ingresso
La Basilica di Santa Giustina, l’ingresso

Il pavimento della Basilica cambia decorazione in ognuna delle navate ed è uno dei più grandi esempi di struttura Rinascimentale.

Santa Giustina il pavimento in stile rinascimentale
Santa Giustina il pavimento in stile rinascimentale

Sugli altari si trovano pitture del seicento dedicate ai santi con intarsi di marmo e pietre preziose, tutti diversi tra loro.

Altare a Santa Giustina
Altare a Santa Giustina
Altari a Santa Giustina

Il ricco monastero che in passato ha accolto personaggi illustri e papi è stato soppresso da Napoleone Bonaparte nel 1810 e trasformato in caserma e ospedale militare, successivamente è stato restituito e ricostruito.

Alcune delle opere sottratte alla chiesa sono custodite al museo degli Eremitani.

Rimangono comunque ancora molte testimonianze del periodo precedente all’interno della chiesa, tutte ben conservate e visitabili.

Santa Giustina, il coro, affreschi, decorazioni

La biblioteca monastica medioevale, con i suoi arredi, i suoi scaffali scolpiti in legno pregiato, le ricche tappezzerie, le raccolte d’arte, incrementate da lasciti e donazioni, e i suoi 80.000 volumi, aveva raggiunto l’apice nel XVIII secolo, ma a seguito di un decreto di Napoleone fu soppressa.
Gli scaffali furono portati nella Sala dei Giganti della Reggia Carrarese, ora Liviano, ma purtroppo furono tanti i libri e i capolavori d’arte dispersi.

Santa Giustina, il coro, l'organo, le cappelle
Santa Giustina, il coro, l’organo, le cappelle

Tra le personalità sepolte a Santa Giustina ricordiamo anche Elena Lucrezia Cornaro Piscopia, la prima donna laureata al mondo, sepolta in Basilica perché oblata benedettina pur non vivendo nel monastero.

Santa Giustina, gli altari
Santa Giustina, gli altari

E’ possibile visitare il Chiostro del Capitolo, costruito nel XII secolo in stile romanico e il Chiostro Maggiore, chiamato anche Chiostro Dipinto per i molti affreschi che lo decoravano e di cui rimangono le tracce.

Santa Giustina, il chiostro
Santa Giustina, il chiostro

Spero che questo veloce viaggio ti sia piaciuto, se decidi di farlo ti consiglio di rivolgerti ad una guida per apprezzare e conoscere al meglio questo sito pieno di storia e di tantissimi oggetti che la ricordano.
La nostra guida di fiducia per le uscite di gruppo è Silvia Graziani Guida Turistica, grande professionista appassionata e preparata. Super consigliata!

Se cerchi altri spunti per la tua visita a Padova cerca ‘turista nella mia città‘ nel box e non dimenticarti di mettere mi piace alla pagina facebook di Spunti e Idee o al profilo Instagram.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.